Anche colf, badanti e baby sitter in regola hanno diritto al bonus da 200 euro! Attenzione però, perché l’erogazione non è automatica: per ottenerlo è necessario presentare una richiesta all’Inps. Assindatcolf, tramite il patronato Enapa, ti può supportare gratuitamente.

Come fare per ottenere i 200 euro?

Bastano pochi click per accedere al servizio online, gratuito facile e veloce. Una volta completato il caricamento dei documenti e dei dati richiesti penseremo a tutto noi!

richiedi ora il bonus

Domande frequenti

Quali sono i requisiti?
  • Avere all’attivo uno o più rapporti di lavoro di tipo domestico alla data del 18 maggio 2022 e non essere titolare di altra tipologia di rapporto di lavoro dipendente;
  • Non percepire il reddito di cittadinanza;
  • Non essere titolare delle prestazioni di cui all’art. 32 del D.L., ovvero trattamenti pensionistici, pensione o assegno sociale, pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, nonché trattamenti di accompagnamento alla pensione, con decorrenza entro il 30 giugno 2022;
  • Avere un reddito personale assoggettabile ad IRPEF – per l’anno 2021 – non superiore a € 35.000 al netto dei contributi previdenziali e assistenziali;
  • Essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione europea, o suo familiare, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero essere cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione europea in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o del permesso di soggiorno per motivi di lavoro o di ricerca di durata almeno semestrale.

 

Devo pagare per la pratica?

La pratica di richiesta del bonus è completamente gratuita. Né il lavoratore né il datore di lavoro dovranno pagare alcunché.

Come funziona la pratica online?
  1. Compila online con i dati anagrafici completi del lavoratore e l’iban che deve essere intestato (o cointestato) necessariamente al lavoratore stesso. In caso non si abbia un Iban, l’accredito avverrà con un bonifico domiciliato presso l’ufficio Postale più vicino alla residenza del lavoratore.
  2. Scarica l’autodichiarazione e la delega ad Enapa che saranno autocompilati con i dati immessi al passaggio precedente. I due documenti vanno poi firmati e salvati di nuovo in formato digitale (fotografandoli o scansionandoli)
  3. Infine carica i documenti firmati e gli altri documenti personali del lavoratore (carta d’identità, codice fiscale e eventuale permesso di soggiorno).

Quando la domanda verrà protocollata, il lavoratore riceverà un’email di conferma.

Diversamente, se vi fossero degli errori, l’utente verrà contattato dall’assistenza.

Quali documenti sono necessari per completare la pratica?

Per completare la richiesta del bonus servono i seguenti documenti.

  • Autodichiarazione del lavoratore (scaricabile dal portale stesso)
  • Delega all’Enapa (scaricabile dal portale stesso)
  • Carta d’identità (copia fronte retro)
  • Codice fiscale (copia fronte retro)
  • Permesso di soggiorno, in caso di lavoratore extracomunitario (copia fronte retro)
I documenti vanno inviati anche in formato cartaceo?

È indispensabile che la delega al Patronato Enapa e l’autodichiarazione di richiesta del bonus siano inviate anche in originale tramite posta ordinaria o raccomandata all’indirizzo del patronato, anche nei giorni successivi alla compilazione sul portale.

PATRONATO ENAPA
Corso vittorio Emanuele ll, 101
00186 ROMA – RM

Come potrò ricevere il bonus?

Se il lavoratore ha un conto corrente può scegliere di ricevere l’indennità sul proprio conto corrente inserendo l’iban nel modulo dei dati anagrafici.

Se il lavoratore non possiede un conto corrente può richiedere di ricevere il bonus presso l’ufficio postale più vicino. In questo caso basterà scegliere l’apposita opzione nel menu a tendina relativo al pagamento. Il lavoratore riceverà una comunicazione non appena l’accredito sarà disponibile nell’ufficio postale più vicino alla residenza indicata.

Se non posso completare la pratica devo ricominciare da capo?

Se per qualsiasi motivo (p.es. ti manca un documento o un dato da inserire) non riesci a completare la pratica e inviarla, clicca sul bottone “memorizza la pratica”. Potrai tornare in qualsiasi momento a completarla senza dover reimmettere tutti i dati da capo.

Quando scade il termine per presentare domanda?

Secondo quanto ha chiarito l’Inps con la circolare n° 73 del 24/06/2022 le domande per l’accesso al bonus possono essere presentate a partire dal 20 giugno 2022 fino al 30 settembre 2022.

Quando sarà erogato il bonus?

La circolare n° 73 del 24/06/2022 dell’Inps contenente istruzioni applicative e contabili ha specificato che per i lavoratori domestici il pagamento dell’indennità avverrà a partire dal mese di luglio 2022 successivamente all’elaborazione delle domande pervenute.

Non lasciare al caso la gestione di colf, badanti e baby sitter!

Iscriviti ad Assindatcolf. Sarai sollevato dalle incombenze amministrative e burocratiche legate alla gestione del rapporto di lavoro domestico.